Sandra Maria Renes

 

Torino è la sua città natale.

 

Lì ha conseguito il diploma magistrale e, crescendo nella bottega d’arte dei genitori, la sua creatività ha trovato terreno fertile per essere  stimolata  ed arricchita.

A vent’anni il cuore l’ha portata a vivere nel piccolo paese di Maschito, in Basilicata, dove ha costruito la sua famiglia e la sua vita.

 

E’ una autodidatta: dipinge con la stessa elegante normalità con cui vive e, pur  lasciando ampio spazio alla creatività, compie un continuo e minuzioso lavoro di ricerca adottando spesso tecniche sperimentali per muoversi su strade ricche di nuovi  stimoli.

 

Ama rappresentare tutto ciò che procura emozioni, dalla realtà paesaggistica della sua terra alla  figura femminile in tutte le sue più intime sfaccettature.

 

Credendo fortemente che la massima ambizione di chi rende pubblica una propria opera sia la condivisione empatica della stessa emozione, nell’ultima produzione ha deciso di  dar voce ai suoi dipinti affiancando a ciascuno di essi una sua poesia: con/fondendo  la pittura con la poesia  sembra quasi che i suoi quadri parlino e le sue poesie si colorino.

 

Nel 1986 ha allestito la sua prima personale a Maschito, nel 1994  a Torino, nel 1999 a Genova, nel 2010 nel castello di Venosa.

 

Ha partecipato a diverse collettive ed estemporanee sempre a Torino, in Liguria, in Puglia  e in diversi paesi della Basilicata.

 

Il 22 Maggio 2010 ha vinto il secondo premio al concorso nazionale di poesia “Giulia Blasi” dell’Unitre di Lavello con il componimento “La resa di un angelo”: questo risultato è stato l’input per continuare a scrivere versi ispirati da ogni suo dipinto.

 

Il 26 Settembre 2010 il suo racconto “Spighe di grano”, presentato al concorso letterario ”Ist. Joseph and Mary Agostine memorial library”, è  stato inserito come vincitore nel libro “La mia  terra”.

 

Il 13 Aprile 2013 ha partecipato e vinto il primo premio al concorso nazionale “Giulia Blasi” con la poesia “Occhi duri”.

 

Attualmente sta esponendo alcuni suoi dipinti nella mostra itinerante  “CarovanArt”  composta da soli artisti Lucani: nata da un idea del prof. Giuseppe Ligrani, pittore e scultore potentino, la collettiva  farà tappa in quasi tutti i paesi della Basilicata.